Contattaci: +39 02 55186649
E-mail: segreteria@verifiche.info

Certificazione IATF 16949 e Modello 231 o schemi di prevenzione della corruzione

Nuovi requisiti collegabili al modelli di prevenzione della corruzione


La nuova certificazione IATF 16949 (sostituirà a breve tutte le precedenti del settore automotive in particolare la ISO/TS 16949) prevede uno specifico requisito in merito alla prevenzione della corruzione. Il Modello 231 (Decreto legislativo 231 del 2001 sulla responsabilità penale delle imprese) prevede provvedimenti specifici in materia, così come i sistemi di prevenzione della corruzione (la nuova ISO 37001 e la Legge 190 del 2012).

Il requisito

 5.1.1.1 Corporate Responsibility

The organization hall define and implement corporate responsibilities policies, including at a minumum an anti - bribery policy, an employee code of conduct and an ethics escalation policy ("whislte-blowing policy")

Il requisito si riferisce al modello di responsabilità di impresa (approccio proattivo dell’impresa stessa sugli aspetti di gestione delle esigenze degli stakeholder a 360 gradi): con politiche (ossia procedure protocolli) da definire e implementare (ossia rendere attivi e operativi), tutto questo in materia di:

  • politica per la prevenzione della corruzione
  • codici di condotta per i dipendenti e collaboratori
  • procedura per la gestione “escalation” (passaggio al livello superiore o attraverso procedura che garantisca la tutela del segnalante) delle segnalazioni di comportamenti potenzialmente non corretti

I Modelli 231 e l’applicazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione già prevedono questi aspetti. Importante è quindi integrare i suddetti sistemi o applicare tali “buone prassi” nella applicazione della IATF 16949. In particolare:

  1. Formazione specifica reati corruttivi (pubblico e privato – aspetto molto delicato)
  2. Gestione segnalazioni (si raccomanda servizio indipendente)
  3. Regole di comportamento (pubblica amministrazione, rete commerciale, regali ed omaggi)
  4. Codice etico e regolamento interno (aspetto delicato per la parte sanzionatoria)

Audit in Italy offre tutti i servizi necessari in materia. Per informazioni info@verifiche.info

News

  • 21/12/2020

    UNI EN 26000 edizione 2020. La nuova Responsabilità Sociale “europea”

    UNI celebra l'anniversario della proclamazione della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo con la pubblicazione della UNI EN ISO 26000 edizione 2020 "Guida alla Responsabilità Sociale" che aggiorna la versione del 2010.
  • 03/12/2020

    Amministratori di condominio: tutte le novità da UNI

    Privacy dei Condomini e gestione in remoto delle Assemblee. Le attività del Gruppo di Lavoro UNI con il commento di Stefano Bonetto
  • 08/10/2020

    Progetto di PdR sulle Asserzioni Etiche: avvio della consultazione pubblica

    Stefano Bonetto, partner di Audit in Italy, ha partecipato alla stesura, in qualità di Presidente della Commissione Tecnica "Servizi"
  • Archivio news

In primo piano

  • Le Dichiarazioni Etiche: opportunità e formazione

    La norma internazionale ISO 17033 contiene regole e requisiti per lo sviluppo delle dichiarazioni etiche e delle eventuali informazioni e dati a supporto delle stesse. Una norma molto attesa perché fa chiarezza su argomenti veramente nuovi quali, per fare alcuni esempi, Plastic Free, Km Zero ...
  • Altri approfondimenti