Contattaci: +39 02 55186649
E-mail: segreteria@verifiche.info

Certificazione IATF 16949 e Modello 231 o schemi di prevenzione della corruzione

Nuovi requisiti collegabili al modelli di prevenzione della corruzione


La nuova certificazione IATF 16949 (sostituirà a breve tutte le precedenti del settore automotive in particolare la ISO/TS 16949) prevede uno specifico requisito in merito alla prevenzione della corruzione. Il Modello 231 (Decreto legislativo 231 del 2001 sulla responsabilità penale delle imprese) prevede provvedimenti specifici in materia, così come i sistemi di prevenzione della corruzione (la nuova ISO 37001 e la Legge 190 del 2012).

Il requisito

 5.1.1.1 Corporate Responsibility

The organization hall define and implement corporate responsibilities policies, including at a minumum an anti - bribery policy, an employee code of conduct and an ethics escalation policy ("whislte-blowing policy")

Il requisito si riferisce al modello di responsabilità di impresa (approccio proattivo dell’impresa stessa sugli aspetti di gestione delle esigenze degli stakeholder a 360 gradi): con politiche (ossia procedure protocolli) da definire e implementare (ossia rendere attivi e operativi), tutto questo in materia di:

  • politica per la prevenzione della corruzione
  • codici di condotta per i dipendenti e collaboratori
  • procedura per la gestione “escalation” (passaggio al livello superiore o attraverso procedura che garantisca la tutela del segnalante) delle segnalazioni di comportamenti potenzialmente non corretti

I Modelli 231 e l’applicazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione già prevedono questi aspetti. Importante è quindi integrare i suddetti sistemi o applicare tali “buone prassi” nella applicazione della IATF 16949. In particolare:

  1. Formazione specifica reati corruttivi (pubblico e privato – aspetto molto delicato)
  2. Gestione segnalazioni (si raccomanda servizio indipendente)
  3. Regole di comportamento (pubblica amministrazione, rete commerciale, regali ed omaggi)
  4. Codice etico e regolamento interno (aspetto delicato per la parte sanzionatoria)

Audit in Italy offre tutti i servizi necessari in materia. Per informazioni info@verifiche.info

News

  • 11/05/2020

    Covid-19 e certificazioni in scadenza:cosa accadrà

    Decisione dell'IAF per la proroga automatica della validità di tutti i certificati sistemi di gestione
  • 24/04/2020

    Claim etici: adozione della UNI 17033

    Adozione della specifica tecnica sulle dichiarazioni etiche: aggiornamento
  • 01/03/2020

    Prassi UNI contro il bullismo e il cyberbullismo: cosa dobbiamo sapere

    La prima linea guida certificabile, nata dalla collaborazione tra UNI ed ACCREDIA
  • Archivio news

In primo piano

  • Certificazione e fiere

    Il settore fieristico, determinante per lo sviluppo dell'economia italiana, sta avendo un notevole successo e riscontro anche in materia di “certificazione”. L’argomento è oggi però da inquadrare in uno scenario che si sta muovendo in direzioni ben specifiche e sta ca...
  • Altri approfondimenti